Il Verbo eternamente presente - Maddalena Negri

 

 
Testi, conferenze, interviste  di :

  Alberto Maggi

- Clicca Qui

Carlo Maria Martini

- Clicca Qui

- Clicca Qui

Josè Maria Castillo

- Clicca Qui

Vito Mancuso 

- Clicca Qui

Enzo Bianchi

- Clicca Qui

Ortensio da Spinetoli

- Clicca Qui

Altri Autori e Testi completi in diversi formati

- Clicca Qui

Appunti di Rosario Franza

- Clicca Qui

Home Page

- Clicca Qui


DOMENICA NELL’OTTAVA DEL NATALE DEL SIGNORE

 Lettura - Lettura del libro dei Proverbi 8, 22-31

La Sapienza grida: «Il Signore mi ha creato come inizio della sua attività, / prima di ogni sua opera, all’origine. / Dall’eternità sono stata formata, / fin dal principio, dagli inizi della terra. / Quando non esistevano gli abissi, io fui generata, / quando ancora non vi erano le sorgenti cariche d’acqua; / prima che fossero fissate le basi dei monti, / prima delle colline, io fui generata, / quando ancora non aveva fatto la terra e i campi / né le prime zolle del mondo.Quando egli fissava i cieli, io ero là; / quando tracciava un cerchio sull’abisso, / quando condensava le nubi in alto, / quando fissava le sorgenti dell’abisso, / quando stabiliva al mare i suoi limiti, / così che le acque non ne oltrepassassero i confini, / quando disponeva le fondamenta della terra, / io ero con lui come artefice / ed ero la sua delizia ogni giorno: / giocavo davanti a lui in ogni istante, / giocavo sul globo terrestre, / ponendo le mie delizie tra i figli dell’uomo».

 Epistola - Lettera di san Paolo apostolo ai Colossesi 1, 13b. 15-20

Fratelli, il Figlio del suo amore è immagine del Dio invisibile, / primogenito di tutta la creazione, / perché in lui furono create tutte le cose / nei cieli e sulla terra, / quelle visibili e quelle invisibili: / Troni, Dominazioni, / Principati e Potenze.Tutte le cose sono state create / per mezzo di lui e in vista di lui. / Egli è prima di tutte le cose / e tutte in lui sussistono. / Egli è anche il capo del corpo, della Chiesa. / Egli è principio, / primogenito di quelli che risorgono dai morti, / perché sia lui ad avere il primato su tutte le cose. È piaciuto infatti a Dio / che abiti in lui tutta la pienezza / e che per mezzo di lui e in vista di lui / siano riconciliate tutte le cose, / avendo pacificato con il sangue della sua croce / sia le cose che stanno sulla terra, / sia quelle che stanno nei cieli.

 Vangelo - Lettura del Vangelo secondo Giovanni 1, 1-14

In principio era il Verbo, / e il Verbo era presso Dio / e il Verbo era Dio. / Egli era, in principio, presso Dio: / tutto è stato fatto per mezzo di lui / e senza di lui nulla è stato fatto di ciò che esiste.In lui era la vita / e la vita era la luce degli uomini; / la luce splende nelle tenebre / e le tenebre non l’hanno vinta. / Venne un uomo mandato da Dio: / il suo nome era Giovanni. / Egli venne come testimone / per dare testimonianza alla luce, / perché tutti credessero per mezzo di lui. / Non era lui la luce, / ma doveva dare testimonianza alla luce. / Veniva nel mondo la luce vera, / quella che illumina ogni uomo. / Era nel mondo / e il mondo è stato fatto per mezzo di lui; / eppure il mondo non lo ha riconosciuto. / Venne fra i suoi, / e i suoi non lo hanno accolto. / A quanti però lo hanno accolto / ha dato potere di diventare figli di Dio: / a quelli che credono nel suo nome, / i quali, non da sangue / né da volere di carne / né da volere di uomo, / ma da Dio sono stati generati. E il Verbo si fece carne / e venne ad abitare in mezzo a noi; / e noi abbiamo contemplato la sua gloria, / gloria come del Figlio unigenito / che viene dal Padre, / pieno di grazia e di verità.

Approfittando dell’approccio filosofico del Prologo Giovanneo, Vangelo festivo dell’Ottava di Natale, la Prima Lettura, tratta dai Proverbi, mette in campo la Sapienza divina, colta nel suo atto creativo. L'idea di una Sapienza antecedente e contemporanea alla Creazione significa che, quanto Dio fa, è sempre  il meglio possibile. Come dice il filosofo Leibniz, "Dio crea il migliore dei mondi possibili" ed in questo c'è anche tutto il rischio che accetta di creare l'uomo a sua immagine e somiglianza, con la sua libera volontà.  

Abbiamo quindi, sia nella Prima Lettura che nel Vangelo, la coesistenza della tematica della creazione, quindi l’inizio del Tutto, che si perde nella notte dei tempi, trattato in concomitanza con la ri-creazione, che ha luogo nella ricomposizione della relazione dell’Uomo in Cristo, avvenuta storicamente in un momento ben preciso, riportato con dovizia di dettagli storici, geografici e politici dai sinottici. 

Queste letture, al primo impatto appaiono quindi, forse, un po’ complesse, ma il principio sotteso ad esse è, per dirla con le parole di S. Bernardo da Chiaravalle, che il semel (una volta sola) porta in sé il semper (per sempre). Nell’intera liturgia cristiana, i due piani,  orizzontale e verticale, paradossalmente, sussistono e si compenetrano: mentre celebriamo ciò che avvenne in un fatto, nella Persona di Gesù («il Verbo si fece carne»), noi ci facciamo strumento, affinché ciò avvenga di nuovo (nell’Eucaristia), in attesa di poterlo vedere di nuovo, “faccia a faccia”, così come Egli è.  

La Sapienza si presenta, come nel monologo di una pièce teatrale, come prodotto generato da Dio, prima ancora di accingersi alla Creazione del mondo, illustrata efficacemente, come se si trattasse di un Artista all’opera, che, con entusiasmo, passione e cura per il dettaglio, poco alla volta, appronta ogni cosa, fino a giungere all’Opera finita. «E Dio vide che era cosa buona» (Gen 1,10): Dio, da subito, si accorge che ciò che è generato con bontà, porta bontà. Non sempre i nostri occhi sono limpidi a sufficienza per poter vedere nelle cose la bontà e rimandare il nostro pensiero, il nostro sguardo ed il nostro grazie al Sommo Architetto. La Bellezza non passa mai inosservata: difficile rimanere indifferenti, di fronte ad un tramonto che mozza il fiato con quella malinconica delizia di colori pastello che tinteggiano il cielo di rosso. Eppure, non sempre il nostro pensiero va all’Autore di quelle graziose pennellate.   

Il discorso si fa ancora più impegnativo di fronte all’uomo: la teoria di riconoscerci figli di Dio non è nuova. Ma non sempre la applichiamo, di fronte a chi sbaglia. La figliolanza rispetto a Dio e la comune fratellanza tendono a sfumare, quando il peccato li nascondono ai nostri occhi e, più che la fede, è la speranza a vacillare. La speranza, che non a caso è virtù teologale perché in Dio è caparbiamente presente, che anche nel più cuore più mascalzone di questo mondo, possa esserci uno spiraglio in cui la Sapienza possa trovare spazio per condurlo, non a sé, bensì a Dio, che l’ha generata. 

San Giovanni rende giustizia alla profondità del significato storico, filosofico e teologico dell’Incarnazione. Se, da un lato, il Natale trova il suo senso più vero nella Resurrezione di Cristo (tanto che, inizialmente, la preoccupazione dei primi cristiani si accentrava, per lo più, intorno al kerygma  dell’annuncio cristiano: passione, morte e Risurrezione di Gesù Cristo, Figlio di Dio), dall’altro, senza l’Incarnazione, non avrebbe potuto aver luogo la Resurrezione. Ecco perché, la prima kenosys (abbassamento, umiliazione) di Dio, è proprio quella di abbandonare “i cieli” e farsi spazio, nel ventre di una donna, attraversando, come ognuno di noi, le varie tappe della crescita.  

Nonostante fosse Dio, decise di apprendere come essere un uomo, perché anche noi ritrovassimo la “strada di casa”. Pur essendo un’espressione forte da pronunciare, che odora di eresia, «Dio si fece uomo, perché l’uomo si facesse Dio» sintetizza,  con efficacia, S. Agostino (Disc. 371). San Paolo insiste sul concetto di primogenitura, tanto caro al popolo ebraico, identificato in Gesù il “nuovo primogenito” (non più il popolo ebraico, come privilegiato su tutti gli altri). Dice, di Cristo, che «tutte le cose sono state create per mezzo di lui e in vista di lui» (Col 1,15), stabilendo, così, la coeternità del Figlio e l’unicità del Gesù-Uomo, col Gesù-Dio. Di più, mettendo a confronto le tre letture, risulta chiara la stretta relazione trinitaria che presiede la creazione: Cristo è il Verbo, parola creatrice, con il potere di dare la vita ad una creazione che trasuda armonia, perché opera dell’Amore (lo Spirito Santo). 

Giovanni specifica ancora meglio il senso della venuta di Cristo, nella Natività: Gesù è Vita ed è Luce. Luce, che si fa spazio fra le tenebre, perché non sempre è accolta, quando richiede un “cambio di rotta” rispetto alla nostra abitudine e, magari ai nostri “comodi”, o quando ci espone magari a piccole e grandi persecuzioni, sul lavoro, in famiglia, tra amici, pur di restare fedeli al Vangelo. Non basta, infatti, contemplare la Luce, per potersi dire figli di Dio. Siamo chiamati ad aderire sempre più ad una imitazione di Cristo - quale paradigma supremo dell’uomo - a cui somigliare, per poter assaporare davvero il gusto di una vita vissuta in pienezza (che è la santità alla quale tutti siamo invitati, ciascuno nel proprio ambito).  




Maddalena Negri, classe 1986, orgogliosamente nata sotto il sole del 13 agosto. Ama scrivere e vi si cimenta, con alterna fortuna, dall’età di otto anni. Privilegia,inizialmente, racconti e scopre la poesia solo più tardi, a 14 anni. Dopo la maturità linguistica, consegue la Laurea Triennale con una tesi dal titolo: “La lotta con l’angelo. Il rapporto con Dio nella poesia di Giorgio Caproni e Alda Merini”.

I testi proposti si trovano anche sul sito :  https://www.sullastradadiemmaus.it/

Nota
:
Se vuoi essere informato sulle pubblicazioni di solidando.net  puoi iscriverti gratuitamente  alla newsletter del sito al seguente indirizzo : http://www.solidando.net/newsletter.htm
<



   
[ La Buona Parola ] [ Argomentando ] [ BibliotecAmica ] [ Home Page ]