29 - Il messaggio stravolto dai "cardinali-apostoli" ! - Appunti di Rosario Franza su Mc 6,30-33


 
Testi, conferenze, interviste  di :

  Alberto Maggi

- Clicca Qui

Carlo Maria Martini

- Clicca Qui

- Clicca Qui

Josè Maria Castillo

- Clicca Qui

Vito Mancuso 

- Clicca Qui

Enzo Bianchi

- Clicca Qui

Ortensio da Spinetoli

- Clicca Qui

Altri Autori e Testi completi in diversi formati

- Clicca Qui

Appunti di Rosario Franza

- Clicca Qui

Home Page

- Clicca Qui

Torna alla "Buona Parola"

- Clicca Qui


"Erano stati inviati per entrare in contatto con ogni tipo di persone  senza limitarsi ai soli ebrei, affinché sparissero i loro pregiudizi xenofobi; in tal senso la missione si rivela come un insuccesso. Ancora la storia si ripete, ed il messaggio del Nazzareno viene stravolto anche nei nostri giorni, sia con l'esempio che con le parole, dai  nostri cardinali-apostoli !" 

[30]Gli inviati si congregarono dove stava Gesù e gli riferirono tutto quello che avevano fatto e tutto quello che avevano insegnato. [31]Ed egli disse loro: «Venite voi soli in disparte, in un luogo deserto, e riposatevi un poco». Infatti erano molti coloro che andavano e venivano, e neppure per mangiare trovavano un momento propizio. [32]Partirono sulla barca verso un luogo solitario, in disparte. [33]Ma, mentre andavano, molti li videro e li riconobbero. Allora, da tutte le città corsero là per terra e li precedettero. (Mc 6,30-33)

I Dodici, che erano stati inviati a due a due (Mc 6,7), ritornano dal loro viaggio e Marco usa il verbo "congregarsi", "Gli inviati si congregarono dove stava Gesù e gli riferirono tutto quello che avevano fatto e tutto quello che avevano insegnato". Ciò significa che nella loro missione erano stati guidati dall'ideale della restaurazione nazionalistica di Israele ed avevano fatto credere che quello fosse anche l'ideale di Gesù di Nazareth .

Erano stati inviati per entrare in contatto con ogni tipo di persone  senza limitarsi ai soli ebrei, affinché sparissero i loro pregiudizi xenofobi; in tal senso la missione si rivela come un insuccesso.

La reazione del Nazzareno non è un'abiura, li invita, viceversa, ad appartarsi con lui affinché ritrovino il senso del suo messaggio universalistico, "Venite voi soli in disparte, in un luogo deserto, e riposatevi un poco"  .  Il luogo "deserto" ed il "riposo", alludendo ad Is 14,3, rappresentano in Marco  la rottura con il valori della società ebraica . 

Il Nazzareno, cioè, non respinge i suoi discepoli, ma li invita ad ascoltare nuovamente il suo messaggio affinché lo recepiscano, li invita in un luogo appartato, lontano da coloro che li cercano per la speranza che hanno suscitato nella restaurazione d'Israele, "Infatti erano molti coloro che andavano e venivano", ma soprattutto interrompe la loro euforia per la notorietà acquisita .

E' la prima volta che Gesù invita i Dodici ad andare "un luogo solitario" ,"deserto", l'invito viene accettato ed insieme, a riformare un gruppo che si era sciolto in un falso messaggio, partono in "barca", riformano, cioè, la comunità (barca) che era stata danneggiata dalla missione degli apostoli .

La moltitudine, "... mentre andavano, molti li videro e li riconobbero. ... e li precedettero", rappresenta tutti gli ebrei che avevano creduto nel messaggio dei Dodici , ma non in quello di Gesù ...

Ancora la storia si ripete, ed il messaggio del Nazzareno viene stravolto, anche nei nostri giorni, sia con l'esempio che con le parole, dai  nostri "cardinali-apostoli" ! 

Appunti liberamente tratti da:
J. Mateos e F. Camacho - "Il Vangelo di Marco - analisi linguistica e commento esegetico" .
John P. Meier - "Un ebreo marginale . Ripensare il Gesù storico" .


Nota:
Se vuoi essere informato sulle pubblicazioni di solidando.net  puoi iscriverti gratuitamente  alla newsletter del sito al seguente indirizzo : http://www.solidando.net/newsletter.htm
<


   
[ La Buona Parola ] [ Argomentando ] [ BiblitecAmica ] [ Home Page ]