9 - I quattro punti cardinali nel perdono di Gesù - Appunti di Rosario Franza su Mc 2,1-13


 
Testi, conferenze, interviste  di :

  Alberto Maggi

- Clicca Qui

Carlo Maria Martini

- Clicca Qui

- Clicca Qui

Josè Maria Castillo

- Clicca Qui

Vito Mancuso 

- Clicca Qui

Enzo Bianchi

- Clicca Qui

Altri Autori e Testi completi in diversi formati

- Clicca Qui

Appunti di Rosario Franza

- Clicca Qui

Home Page

- Clicca Qui

Torna alla "Buona Parola"

- Clicca Qui


"Un testo pieno di simbolismi ci narra la contrapposizione tra la teologia di Gesù e quella giudaica, in una composizione che riflette certamente l'esperienza delle prime comunità di Marco formate dagli esclusi di Israele e dai pagani che hanno aderito al Nazzareno."

[1]Entrò di nuovo a Cafarnao e, passati alcuni giorni, si seppe che si trovava in casa. [2]Si congregarono tanti che non c’era posto nemmeno alla porta, ed egli esponeva loro il messaggio.  

[3]Giunsero portandogli un paralitico trasportato da quattro. [4]Poiché non potevano avvicinarlo a causa della folla, sollevarono il tetto del luogo dove  si trovava lui, aprirono un passaggio e calarono il lettuccio dove giaceva il paralitico.

[5]Vedendo Gesù la loro fede, dice al paralitico: «Figliolo, ti sono perdonati i tuoi peccati».

[6]Ma c’erano seduti lì  alcuni scribi e cominciarono a ragionare dentro di sé: [7]«Come mai costui parla così? Sta bestemmiando! Chi può perdonare i peccati se non Dio solo?».

[8]Gesù, intuendo come ragionavano dentro di loro, disse subito: «Perché ragionate così dentro di voi ? [9]Che cosa è più facile, dire al paralitico: “ti sono perdonati i tuoi peccati” o dirgli “alzati, prendi il tuo lettuccio e cammina?” [10]Quindi perché vediate che l’Uomo ha autorità sulla terra di perdonare i peccati … [11]dice al paralitico :”Dico a te: Alzati, prendi il tuo lettuccio e và a casa tua». [12]Si alzò, prese subito il lettuccio e uscì sotto gli occhi di tutti .Tutti rimasero attoniti e lodavano Dio dicendo: «Non abbiamo mai visto una cosa simile!».

[13]Uscì questa volta sulla riva del mare. Tutta la folla accorse dove si trovava lui e si mise a insegnare loro .

Dopo aver vagato per la Galilea , Gesù torna a Cafarnao,  da  dove era uscito per allargare l'ambito della proclamazione del Regno, così come raccontato in 1,35.38 .  Non appena si sparge la notizia del suo ritorno, la folla circonda la casa dove si trovava, "passati alcuni giorni, si seppe che si trovava in casa. Si congregarono tanti che non c’era posto nemmeno alla porta, ed egli esponeva loro il messaggio" .

Ma in che casa stava Gesù ?

Visto l'utilizzo del verbo "congregare", che richiama la sinagoga, in concomitanza con la presenza di "alcuni scribi seduti lì"e del termine "casa", si può ipotizzare che la casa di Cafarnao rappresenti la comunità israelita di Galilea . Ma non è più soltanto la gente di Galilea che cerca Gesù, ma anche i pagani rappresentati  dal paralitico e dai suoi quattro  portatori, "Giunsero portandogli un paralitico trasportato da quattro ... sollevarono il tetto del luogo dove si trovava lui, aprirono un passaggio e calarono il lettuccio dove giaceva il paralitico."

"Il paralitico, personaggio anonimo e senza voce, è un prototipo di invalidità, l'uomo che non può muoversi da solo né ha libertà di azione" . Gli stessi portatori, anonimi e senza parola anche loro, hanno l'unica caratteristica di essere "quattro", numero che rappresenta i quattro punti cardinali e, quindi, il mondo e l'umanità intera . 

I portatori hanno dimostrato la fede attraverso la loro tenacia,ma Gesù si rivolge al solo paralitico, perché portatori e paralitico identificano in realtà lo stesso personaggio che rappresenta l'umanità peccatrice, "Vedendo Gesù la loro fede, dice al paralitico: «Figliolo, ti sono perdonati i tuoi peccati»"e la necessità di salvezza .

Le parole del Nazzareno, "ti sono perdonati i tuoi peccati", sono sorprendenti per gli scribi, maestri della dottrina ufficiale della "casa di Israele" in Galilea, "Come mai costui parla così? Sta bestemmiando! Chi può perdonare i peccati se non Dio solo? " . Era solo Dio, secondo la legge, che poteva perdonare i peccati e nessuno poteva avere la certezza di essere in pace con la Divinità . La sicurezza di Gesù contrasta l'incertezza  che la dottrina infondeva negli uomini . Gesù, secondo gli scribi, bestemmia !

Il Nazzareno intuisce il rifiuto occulto degli ascoltatori,"Perché ragionate così dentro di voi ?", ma se vogliono aderire al suo messaggio devono abbandonare definitivamente la teologia ufficiale del giudaismo e così li sfida a misurare la portata della sua autorità, "Che cosa è più facile, dire al paralitico: “ti sono perdonati i tuoi peccati” o dirgli “alzati, prendi il tuo lettuccio e cammina?", dovranno giudicare e trarne le conseguenze .

Gesù propone una novità assoluta: il passaggio dell'umanità pagana dalla morte, una situazione disperata come quella di un paralitico incurabile, alla vita, che si manifesta nell'azione che compie il paralitico di prendere il lettuccio e camminare, "perché vediate che l’Uomo ha autorità sulla terra di perdonare i peccati ... dice al paralitico :”... Alzati, prendi il tuo lettuccio e và a casa tua». Si alzò, prese subito il lettuccio e uscì sotto gli occhi di tutti"; questa sarà anche la confutazione dell'accusa di bestemmia e dimostrerà che lo Spirito di Dio è nel Nazzareno  . 

Per la prima volta in Marco compare la locuzione " l'Uomo" , "Figlio dell'uomo", una locuzione di origine aramaica che nella forma con l'articolo acquisisce il significato dell'"Uomo nella sua pienezza", l'"Uomo" cioè che, avendo lo spirito di Dio, lo comunica al resto dell'umanità che, sanata dalle sue infermità, costituisce il nuovo popolo di Dio . L'adesione a Gesù, che implica la rottura con il passato, riceve come risposta il dono dello Spirito, che purifica e dona vita .

Con Gesù di Nazaret non esiste più un popolo privilegiato, anche coloro che non fanno  parte di Israele hanno il diritto di aderire al Regno .   

La realizzazione dell'ordine del Nazzareno ha come effetto lo stupore attonito e la lode, non verso Gesù,  ma verso Dio, che adesso viene recepito come Dio-amore che comunica vita e la certezza del perdono, "Tutti rimasero attoniti e lodavano Dio dicendo: «Non abbiamo mai visto una cosa simile!»" ; non  è più un dio lontano, del cui perdono non si ha garanzia . L'angoscia è finita ! Dio è vicino all'uomo e gli manifesta il suo amore senza condizione alcuna . La salvezza diventa universale ed avviene ad opera di tutti coloro che vogliono seguire Gesù . 

Il messaggio di Gesù Nazaret viene capito ed accolto e questa volta il Nazzareno si dirige verso il mare, simbolo del cammino verso il territorio pagano, "Uscì questa volta sulla riva del mare. Tutta la folla accorse dove si trovava lui e si mise a insegnare loro", accettano il messaggio universale del Regno di Dio . 

La Storia

Un testo pieno di simbolismi ci narra la contrapposizione tra la teologia di Gesù e quella giudaica . Con Gesù cambia il volto di Dio e diventa il volto dell'Amore e della misericordia, in una composizione che riflette certamente l'esperienza delle prime comunità di Marco formate dagli esclusi di Israele e dai pagani che hanno aderito al Nazzareno . 

John P. Meier è propenso a ritenere che "un qualche evento verificatosi durante il ministero pubblico di Gesù sia impresso nella memoria collettiva" che sta alla base di Mc 2,1-12 e d'altra parte egli ritiene che la tradizione di Gesù come guaritore di malattie e di infermità fisiche ha una base storica  .        

Appunti liberamente tratti da:
J. Mateos e F. Camacho - "Il Vangelo di Marco - analisi linguistica e commento esegetico" .
John P. Meier - "Un ebreo marginale . Ripensare il Gesù storico" .


Nota:
Se vuoi essere informato sulle pubblicazioni di solidando.net  puoi iscriverti gratuitamente  alla newsletter del sito al seguente indirizzo : http://www.solidando.net/newsletter.htm
<


   
[ la Solidarietà ][ il Sociale ][ la Fede][ Forum ][ Contatti ][ Il blog Solidando ]