Il cardinale mercenario ed il Pastore modello ! -  Riflessione di Rosario Franza su Gv 10,11-18


 
Testi, conferenze, interviste  di :

  Alberto Maggi

- Clicca Qui

Carlo Maria Martini

- Clicca Qui

- Clicca Qui

Josè Maria Castillo

- Clicca Qui

Vito Mancuso 

- Clicca Qui

Enzo Bianchi

- Clicca Qui

Altri Autori e Testi completi in diversi formati

- Clicca Qui

Appunti di Rosario Franza

- Clicca Qui

Home Page

- Clicca Qui

Torna alla "Buona Parola"

- Clicca Qui


"Gesù, ancora una volta, viene rappresentato dall'evangelista come Amore, un Amore simile a quello di Dio Padre . Si impone qui una riflessione personale : non basterà tutta una vita ad imparare . C'è un'unica speranza: la misericordia infinita di Dio !"   

[11]Io sono il buon pastore. Il buon pastore offre la vita per le pecore. [12]Il mercenario invece, che non è pastore e al quale le pecore non appartengono, vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge e il lupo le rapisce e le disperde; [13]egli è un mercenario e non gli importa delle pecore. [14]Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, [15]come il Padre conosce me e io conosco il Padre; e offro la vita per le pecore. [16]E ho altre pecore che non sono di quest'ovile; anche queste io devo condurre; ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge e un solo pastore. [17]Per questo il Padre mi ama: perché io offro la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. [18]Nessuno me la toglie, ma la offro da me stesso, poiché ho il potere di offrirla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo comando ho ricevuto dal Padre mio». (Gv 10,11-18)

Ogni volta che sentivo leggere questo brano che la liturgia ambrosiana propone in questa quarta domenica di pasqua, provavo un senso di fastidio a sentirmi apostrofare come "pecora", chiuso in un recinto, senza dignità,  e non mi consolava il fatto che il pastore, a differenza del mercenario,  fosse "buono" .

Riflettendo però su una traduzione diversa da quella che ci propone la chiesa cattolica, "Io sono il modello di pastore. Il pastore modello dà se stesso per le pecore", un modello cioè che dà la vita per la Comunità a cui appartiene, ho capito come, ancora una volta, Gesù di Nazareth ci venga a liberare dal recinto in cui ci ha chiuso la "religione" . Ho capito ed apprezzato un messaggio di liberazione e di dignità dell'uomo .

Scrive Ortensio da Spinetoli :<<La comunità a cui Gesù aveva assegnato dei servitori, si è trovata invece alle loro dipendenze e quelli che erano stati designati come domestici, inservienti, erano diventati padroni e per di più, o peggio ancora, signoreggiavano in nome di Cristo, che aveva avuto in  orrore il dominio sui fratelli . Questa chiesa così costituita non può dirsi rispondente alla volontà del suo fondatore o più semplicemente non può dirsi cristiana .>>  .

Fra Ortensio descrive il recinto in cui siamo chiusi da  "cardinali mercenari"  che difendono i loro privilegi ed il loro potere.

Anche fra Alberto Maggi, a commento di questo passo del vangelo di Giovanni scrive :<<Dopo aver messo in guardia il gregge dai ladri e dai briganti, Gesù contrappone la sua figura a quella del mercenario,"che non è pastore e al quale le pecore non appartengono, vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge e il lupo le rapisce e le disperde" (Gv 10,12).>> .

La Comunità, insomma, deve vivere l'esempio del Nazzareno che per Amore dei fratelli, ribadendo la sua Utopia del Regno di Dio e di adesione alle Beatitudini, ha donato la sua vita .

Scrive Juan Mateos :<<Per chi ama non c'è morte : questo è l'ultimo gesto di una vita di dedizione, che sigilla definitivamente la condizione di figlio .>> ; " Per questo il Padre mi ama: perché io offro la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. Nessuno me la toglie, ma la offro da me stesso, poiché ho il potere di offrirla e il potere di riprenderla di nuovo."

Gesù, ancora una volta, viene rappresentato dall'evangelista come Amore, un Amore simile a quello di Dio Padre . Si impone qui una riflessione personale : non basterà tutta una vita ad imparare . C'è un'unica speranza: la misericordia infinita di Dio ! 

<



   
[ la Solidarietà ][ il Sociale ][ la Fede][ Forum ][ Contatti ][ Il blog Solidando ]