7 - Il regno dell'incomprensione ! - Appunti di Rosario Franza su Mc 1,35-38


 
Testi, conferenze, interviste  di :

  Alberto Maggi

- Clicca Qui

Carlo Maria Martini

- Clicca Qui

- Clicca Qui

Josè Maria Castillo

- Clicca Qui

Vito Mancuso 

- Clicca Qui

Enzo Bianchi

- Clicca Qui

Altri Autori e Testi completi in diversi formati

- Clicca Qui

Appunti di Rosario Franza

- Clicca Qui

Home Page

- Clicca Qui

Torna alla "Buona Parola"

- Clicca Qui


"Si ripresenta la tentazione del potere . Gesù chiede al Padre che la sua opera, appena iniziata, non fallisca. Il testo dà per scontato che Simone ed i suoi compagni vadano con lui; non viene detto, però, che capiscano o accettano la sua decisione . Regna sovrana l'incomprensione !"

 

[35]Al mattino,molto buio, si alzò e uscì ; andò verso luogo disabitato e lì si mise a pregare .

[36]Lo seguì Simone e quelli che stavano con  lui .

[37]Lo trovarono e  gli dissero: «Tutti ti cercano!».

[38]Rispose loro: «Andiamo altrove, ai paesi vicini, a predicare anche lì, poiché per questo sono uscito».(Mc 1,35-38)

 

Insiste l'evangelista, all'inizio di questo brano, con la mancanza di luce, "Al mattino,molto buio, si alzò e uscì" ; le tenebre stanno ad indicare che anche questo episodio si svolgerà sotto il segno dell'incomprensione .

 

Gesù sembra quasi scappare . Fugge, infatti, dagli abitanti di Cafarnao che la sera prima si erano presentati alla porta della casa di Simone per acclamarlo leader nazionalista e religioso, "andò verso luogo disabitato e lì si mise a pregare", ma qual'era la preghiera del Nazzareno ?  

 

Per capirlo il testo offre due indicazioni : la fuga di Gesù dalla popolarità della sera precedente e il "mattino molto buio", figura dell'incomprensione di cui è vittima Simone che  vuole, anche lui, fare del maestro un leader riformista .

 

Chiede a Dio, quindi, che coloro che ha chiamato rinuncino ai valori e agli ideali dell'istituzione giudaica per abbracciare il progetto, non violento,  di una società nuova, "il Regno di Dio" . Il successo della sua missione è in pericolo . I suoi discepoli non rinunciano all'ideologia tradizionale del giudaismo e vogliono che Gesù la faccia sua !

 

E' Simone a prendere l'iniziativa e con altri lo va a cercare, "Lo seguì Simone e quelli che stavano con  lui . Lo trovarono ...", e senza preamboli gli si rivolgono quasi in tono di rimprovero; non parlano a nome loro, ma si fanno scudo del desiderio della gente, " gli dissero: «Tutti ti cercano!»"  

 

Si ripresenta la tentazione del potere . Gesù chiede al Padre che la sua opera, appena iniziata, non fallisca.

 

Alla pressione perché torni a  Cafarnao contrappone la sua decisione di continuare il suo itinerario, "Andiamo altrove, ai paesi vicini, a predicare anche lì, poiché per questo sono uscito", non cederà alla tentazione del potere ed invita coloro lo seguono a rinunciare ai loro propositi, ricordando che la sua missione è l'annuncio della buona notizia .

 

Il testo dà per scontato che Simone ed i suoi compagni vadano con lui; non viene detto, però, che capiscano o accettano la sua decisione . Regna sovrana l'incomprensione ! 


Appunti liberamente tratti da:
J. Mateos e F. Camacho - "Il Vangelo di Marco - analisi linguistica e commento esegetico" .


Nota
:
Se vuoi essere informato sulle pubblicazioni di solidando.net  puoi iscriverti gratuitamente  alla newsletter del sito al seguente indirizzo : http://www.solidando.net/newsletter.htm
<


   
[ la Solidarietà ][ il Sociale ][ la Fede][ Forum ][ Contatti ][ Il blog Solidando ]