6 - Il primo fallimento di Gesù ! - Appunti di Rosario Franza su Mc 1,32-34


 
Testi, conferenze, interviste  di :

  Alberto Maggi

- Clicca Qui

Carlo Maria Martini

- Clicca Qui

- Clicca Qui

Josè Maria Castillo

- Clicca Qui

Vito Mancuso 

- Clicca Qui

Enzo Bianchi

- Clicca Qui

Altri Autori e Testi completi in diversi formati

- Clicca Qui

Appunti di Rosario Franza

- Clicca Qui

Home Page

- Clicca Qui

Torna alla "Buona Parola"

- Clicca Qui


"In realtà la prima giornata a Cafarnao, raccontata dal Vangelo di Marco, rappresenta per il Messia un fallimento . Egli propone di porre il bene dell'uomo   prima della legge, ma non viene capito, né tanto meno accettato."

 

[32]Venuta la sera, quando il sole tramontò, presero a portargli tutti quelli che stavano male e gli indemoniati. [33]La città intera era congregata alla porta. [34]Curò molti che stavano male con diverse infermità ed espulse molti demoni; e ai demoni non permetteva di dire che sapevano chi fosse . 

 

Finisce il sabato e con il tramonto del sole inizia , secondo il calendario giudaico,  un nuovo giorno. Tutto si svolge quindi nella legalità della religione che impone l'obbligo del riposo festivo,"Venuta la sera, quando il sole tramontò ",  ed  anche qui alcuni anonimi collaboratori di Gesù gli portano, presso la porta della casa di Simone, circolo nazionalista e violento,  due categorie di persone: i malati e gli indemoniati,  . 

 

Scrive Juan Mateos:"Queste due categorie sintetizzano le principali forme di oppressione, quella sociale e quella ideologica . Come preparazione alla signoria di Dio, il programma di Gesù include le due liberazioni."

 

Il fatto è che sia i collaboratori di Gesù, sia gli zeloti, posseduti dallo spirito immondo della violenza, pensano a Gesù come ad un leader che si è assunto il compito di  riformare la religione giudaica . Vogliono la liberazione dall'oppressione dei sacerdoti, ma riconoscono valida la loro dottrina, rispettano infatti la legge del sabato . Non hanno capito che Gesù rappresenta una alternativa radicale, non violenta, al giudaismo .

 

Gesù cura e libera senza porre condizioni,"Curò molti che stavano male con diverse infermità ed espulse molti demoni"ed elimina così ogni forma di ostacolo, sia di origine sociale che fisica, alla pienezza dell'uomo .  In realtà la prima giornata a Cafarnao, raccontata dal Vangelo di Marco, rappresenta per il Messia un fallimento . Egli propone di porre il bene dell'uomo   prima della legge, ma non viene capito, né tanto meno accettato  .

 

Nonostante ciò, Gesù cura "diverse infermità" e ciò dimostra che "le infermità e le alienazioni non provengono da Dio, né dalla sua volontà, ma sono contrarie al suo disegno" .

 

Gli indemoniati tentano il Nazzareno proponendogli un ruolo da Messia nazionalista, ma Gesù rifiuta,  "espulse molti demoni; e ai demoni non permetteva di dire che sapevano chi fosse" . Scrive Juan Mateos:<<... i demoni cercano dire la stessa cosa che aveva detto lo spirito immondo:"So chi sei tu"(Mc 1,24). Cercano, quindi, di identificare Gesù con "il Consacrato di Dio", il messia dell'aspettativa popolare e della dottrina ufficiale . Gesù non permette che la sua identità di Messia sia male interpretata, né accetta il ruolo che cercano di attribuirgli, anche se riuscirebbe a trascinare la popolazione di Cafarnao, nel caso accettasse.>>

 

Il fallimento del Nazzareno si rivela, alla fine, il successo della riaffermazione radicale del Regno di Dio .        

 

Appunti liberamente tratti da:
J. Mateos e F. Camacho - "Il Vangelo di Marco - analisi linguistica e commento esegetico" .


Nota:
Se vuoi essere informato sulle pubblicazioni di solidando.net  puoi iscriverti gratuitamente  alla newsletter del sito al seguente indirizzo : http://www.solidando.net/newsletter.htm
<


   
[ la Solidarietà ][ il Sociale ][ la Fede][ Forum ][ Contatti ][ Il blog Solidando ]