I cardinali ricchi mentono sapendo di mentire ! - Riflessione di Rosario Franza su Lc 6,43-48


 
Testi, conferenze, interviste  di :

  Alberto Maggi

- Clicca Qui

Carlo Maria Martini

- Clicca Qui

- Clicca Qui

Josè Maria Castillo

- Clicca Qui

Vito Mancuso 

- Clicca Qui

Enzo Bianchi

- Clicca Qui

Altri Autori e Testi completi in diversi formati

- Clicca Qui

Appunti di Rosario Franza

- Clicca Qui

Home Page

- Clicca Qui

Torna alla "Buona Parola"

- Clicca Qui


"I cardinali che sono ricchi, vivono lussuosamente ... chiamano "Signore" Gesù, ma non  mettono in pratica le sue parole . Hanno costruito la loro casa senza fondamenta e sono di scandalo per tutti noi, mentono sapendo di mentire ... l'unico peccato che non sarà perdonato ."

[43]
Non c'è albero buono che faccia frutti cattivi, né albero cattivo che faccia frutti buoni. [44]Ogni albero infatti si riconosce dal suo frutto: non si raccolgono fichi dalle spine, né si vendemmia uva da un rovo. [45]L'uomo buono trae fuori il bene dal buon tesoro del suo cuore; l'uomo cattivo dal suo cattivo tesoro trae fuori il male, perché la bocca parla dalla pienezza del cuore. [46]Perché mi chiamate: Signore, Signore, e poi non fate ciò che dico? [47]Chi viene a me e ascolta le mie parole e le mette in pratica, vi mostrerò a chi è simile: [48]è simile a un uomo che, costruendo una casa, ha scavato molto profondo e ha posto le fondamenta sopra la roccia. (Lc 6,43-48)

Nella festa della Dedicazione del Duomo, la liturgia ambrosiana ci propone il vangelo di Luca 6,43-48 , forse volendo sottintendere che la diocesi di Milano e la sua cattedrale hanno posto le loro fondamenta nella roccia .

In realtà non è il duomo o la diocesi come istituzione, ma è la Comunità che fa Chiesa !

I versetti 43-48 del capitolo 6 del Vangelo di Luca attingono a piene mani dalla fonte originaria di Q e molto probabilmente contengono le medesime parole di Gesù .

L’immagine di Gesù che affiora dal vangelo dei detti Q è quella di chi parla con autorevolezza, ciò che conta davvero è fare quanto egli dice:"Perché mi chiamate : Signore, Signore e poi non fate ciò che dico ?"( Lc 6,46)

Gesù predicava il “regno di Dio”e dava due buone notizie:

1.    la rassicurazione che il Bene avrebbe neutralizzato le avversità della vita;

2.    e la chiamata a fare questo Bene per altri nella pratica concreta .

Se smettessimo di umiliarci a vicenda per emergere, il circolo vizioso si spezzerebbe e lo stare insieme diverrebbe sostegno reciproco .

“Confida che Dio guarda a te, che non ti fa mancare chi ha cura di te e ascoltalo quando ti chiama per provvedere ad altri .”

Questa fiducia radicale in Dio e questa disposizione ad ascoltarlo sono le caratteristiche fondamentali del regno di Dio . Ecco perché è ciascuno di noi e la comunità nel complesso, che deve ascoltare e mettere in pratica le parole di Gesù se si vuole essere solidi come la roccia .

Ascoltare, invece, i cardinali che vivono nel lusso e nell'indifferenza ai bisogni dei fratelli, significa costruire sulla sabbia !   Infatti nel versetto successivo Gesù si esprime così: "Chi invece ascolta e non mette in pratica, è simile a un uomo che ha costruito una casa sulla terra, senza fondamenta. Il fiume la investì e subito crollò; e la rovina di quella casa fu grande" (Lc 6,49) e che fanno i cardinali che vivono in 340 mq ?

Non sono poveri perché non ci siano più poveri ... sono ricchi, vivono lussuosamente ... chiamano "Signore" Gesù, ma non  mettono in pratica le sue parole . Hanno costruito la loro casa senza fondamenta e sono di scandalo per tutti noi, mentono sapendo di mentire ... l'unico peccato che non sarà perdonato .

Vorrei vederli poveri ... come San Francesco ! ... solamente in quel caso, attraverso una lotta serrata al mio personale egoismo, cercherei di imitarli fino in fondo, fino a costruire con  loro il Regno di Dio ! 

Fratelli cardinali, vi prego, indicatemi la strada del Regno con il vostro esempio !

<



   
[ la Solidarietà ][ il Sociale ][ la Fede][ Forum ][ Contatti ][ Il blog Solidando ]