L'"altra" riflessione sul Vangelo nel Rito Ambrosiano



[
La Buona Parola ] [ Argomentando ] [ BibliotecAmica ] [Home Page]

 
Testi, conferenze, interviste  di :

  Alberto Maggi

- Clicca Qui

Carlo Maria Martini

- Clicca Qui

- Clicca Qui

Josè Maria Castillo

- Clicca Qui

Vito Mancuso 

- Clicca Qui

Enzo Bianchi

- Clicca Qui

Ortensio da Spinetoli

- Clicca Qui

Altri Autori e Testi completi in diversi formati

- Clicca Qui

Appunti di Rosario Franza

- Clicca Qui

Home Page

- Clicca Qui


 

11/02/2018 Amore perenne, oltre ogni recidiva - Maddalena Negri L’invito è dunque quello di consegnare preoccupazioni, fragilità e, perfino, le nostre recidive (Il  Vangelo non dice che il pubblicano smette di essere pubblicano: magari è l’unico mestiere che sa fare e non saprebbe in che altro modo vivere, o magari non ha il coraggio di compiere un passo simile) nelle mani di Dio.
04/02/2018 Il profumo che tocca il cuore di Dio ! - Maddalena Negri Se siamo troppo concentrati su noi stessi, rischiamo di diventare noi stessi la misura dell’amore, che, quindi, rischia di essere “poca cosa” perché il contenitore a cui attingiamo è ristretto. Se invece attingiamo in Dio e ci ispiriamo al Suo amore, allora ci sorprenderemo ad andare oltre i nostri schemi, avvicinandoci al sogno d’amore di Dio con l’uomo.
28/01/2018

Un Dio "scapestrato" e sfuggente - Riflessione di Maddalena Negri su Lc 2,41-52

Siamo noi ad essere chiamati a seguire Gesù in cammino e non Lui a seguire noi e i nostri schemi. Siamo noi a dover adattare il nostro passo al Suo. Gesù però capisce che non è facile non tanto impararlo, ma, piuttosto, vivere questo e, allora, acconsente Lui a rallentare un po’ il passo, affinché noi non perdiamo il ritmo del cammino.
21/01/2018

I capricci dell'insoddisfazione ! - Riflessione di Maddalena Negri su  Mt 14,13-21

Oltre all’esortazione a preoccuparsi per l’appetito altrui (e non solo il proprio), c’è l’invito ad un dono più profondo del cibo: “se stessi” rimane sempre il dono più gradito, a Dio e agli altri.
14/01/2018 Cana: sovrabbondanza di Grazia, Carezza di Dio ! - Maddalena Negri Mi piace concludere con un’immagine finale che è una carezza dell’Altissimo: se «la mano del Signore si poserà su questo monte» (Is 25,10), è perché Lui è disposto a benedirci, venendo verso di noi, non una volta sola, ma ogni volta che la nostra ostinazione lo renderà necessario!
07/01/2018 La Parola di Dio : sei amato, mi piaci! - Riflessione di Maddalena Negri su
Mc 1,7-11
Quello che muove il cuore è pensare che ci possa essere un Dio che ama “fino alla fine”, che ama in tal modo ciascuno di noi e che, per ciascuno (nessuno escluso!), ripete queste parole: sei amato, sei voluto, mi piaci! 
31/12/2017 Il Verbo eternamente presente - Maddalena Negri Non basta, infatti, contemplare la Luce, per potersi dire figli di Dio. Siamo chiamati ad aderire sempre più ad una imitazione di Cristo - quale paradigma supremo dell’uomo - a cui somigliare, per poter assaporare davvero il gusto di una vita vissuta in pienezza (che è la santità alla quale tutti siamo invitati, ciascuno nel proprio ambito)
24/12/2017 Io ti amo e sono contento che tu ci sei ! - Maddalena Negri Il primo capitolo del Vangelo di Matteo, che espone la Genealogia di Gesù, cioè il suo radicamento nella Storia degli uomini ... evidenzia ... , ancora una volta, come Dio riesca a scrivere diritto sulle righe storte delle nostre nefandezze
17/12/2017 Il turbamento di Maria: Intuito femminile ! - Riflessione di Maddalena Negri  su Lc 1,26-38a «E tu sarai chiamata Ricercata, "Città non abbandonata”» (Is 62, 12): sono le parole che ciascuno di noi vorrebbe rivolte a sé. Sapersi voluto, desiderato, ricercato. Sapere che la propria persona “valga la pena”, almeno agli occhi di qualcuno.
10/12/2017 Il nostro cuore: primo posto da pacificare! - Maddalena Negri Forse, il primo posto da pacificare è il nostro cuore, dove abita il lupo dell’invidia, il leopardo dell’ingordigia, il leoncello della superbia. Ma forse anche i non meno spaventosi spauracchi dell’insoddisfazione e della noia. A volte, i primi a cui dover tendere la mano siamo proprio noi.

   
[ La Buona Parola ][ Argomentando ][ Home Page]