La scimmia, l'uomo ed il "mistero di Dio" - Rosario Franza


 
Testi, conferenze, interviste  di :

  Alberto Maggi

- Clicca Qui

Carlo Maria Martini

- Clicca Qui

- Clicca Qui

Josè Maria Castillo

- Clicca Qui

Vito Mancuso 

- Clicca Qui

Enzo Bianchi

- Clicca Qui

Altri Autori e Testi completi in diversi formati

- Clicca Qui

Appunti di Rosario Franza

- Clicca Qui

Home Page

- Clicca Qui

 

Nel 2008 ho partecipato alla scuola di formazione teologica per laici organizzata dalla diocesi di Milano. Ero da poco ritornato alla Chiesa Cattolica dopo anni di "militanza" agnostica e porto con me una sensazione tutto sommato piacevole di quelle serate di studio, ma c'è un ricordo che non mi abbandona ed è veramente sgradevole .

Il relatore di una delle prime serate introdusse lo studio della Genesi accennando anche al processo evolutivo messo in luce dagli studi di Charles Darwin. Il primo degli intervenuti  dopo la relazione indicò in Darwin il "satana" che attentava alla fede cristiana e cattolica e lo fece con toni così minacciosi e prepotenti che mi sarei aspettato un interveto chiarificatore del dotto relatore . Nulla di tutto ciò ! Segui un silenzio imbarazzato e vile, anche da parte mia .

Gli interventi successivi narravano la dignità dell'uomo non paragonabile ad una scimmia ed
introducevano il salmo 8 :

"Se guardo il tuo cielo, opera delle tue dita,
la luna e le stelle che tu hai fissate,
che cosa è l'uomo perché te ne ricordi
e il figlio dell'uomo perché te ne curi?
Eppure l'hai fatto poco meno degli angeli,
di gloria e di onore lo hai coronato:
gli hai dato potere sulle opere delle tue mani,
tutto hai posto sotto i suoi piedi;
tutti i greggi e gli armenti,
tutte le bestie della campagna;
Gli uccelli del cielo e i pesci del mare,
che percorrono le vie del mare.
O Signore, nostro Dio,
quanto è grande il tuo nome su tutta la terra."

Penso sia venuto il momento di riscattare il mio pusillanime silenzio con una domanda a cui tenterò di rispondere: ma davvero l'uomo, come oggi lo conosciamo, è opera diretta delle mani di Dio ?

Gli scienziati hanno ormai da tempo indicato che tutto ebbe origine nello stato dell'energia dell'universo presente nel "vuoto quantico" . Questa energia si trovava concentrata con la massima densità, miliardi di volte più piccola della capocchia di uno spillo .

Improvvisamente questo puntino piccolissimo si gonfia fino a raggiungere le dimensioni di una mela ed esplode . E' il big bang : energie e particelle elementari  vengono lanciate in tutte le direzioni iniziando un processo di espansione tutt'ora in corso . Tutto ciò è avvenuto 15 miliardi di anni fa . Dopo la grande esplosione si sono formate immense nuvole di gas che, come reattori atomici, hanno sintetizzato, in miliardi di anni di lavoro, i 92 elementi di cui è composto l'universo . Le reazioni atomiche erano talmente violente che fecero esplodere le prime  stelle  e da queste esplosioni si formarono le nebulose e gli agglomerati di galassie come la nostra Via Lattea, il Sole, la Terra .

L'antenata della Terra, chiamata dagli scienziati Tiamat, era una stella, una supernova il cui splendore era provocato da esplosioni interne che lanciavano al di fuori di essa parte della stella stessa, dando origine a una nebulosa e a detriti stellari . Nel corso di un milione di anni la nebulosa si fece sempre più densa, finché nel suo centro maturò per gravità una stella irradiante, il Sole, attorno a cui orbitavano, per gravità, gli antenati degli attuali pianeti: i planetesimali  da cui, in un parto durato altri cento milioni di anni, è nata la Terra . 

Ovviamente la Terra per giungere alla sua attuale configurazione, è passata attraverso cataclismi e convulsioni drammatiche, i vulcani eruttavano e veniva colpita da immense meteore che lasciavano crateri enormi, ma che le portavano anche grandi quantità di acqua e le molecole basilari della vita .

La terra ha conosciuto quindici grandi estinzioni in massa di specie di vita .  L'ultima si è verificata 65 milioni di anni fa,  provocata da alterazioni di climi e dall'impatto con una asteroide di 9,6 Km . I dinosauri che per 130 milioni di anni avevano dominato la terra, si estinsero e la Terra impiegò dieci milioni di anni per rifarsi nella sua sterminata biodiversità .

Nel 1950 la scoperta del DNA ha rivelato che la vita è composta degli stessi elementi fisico - chimici, organizzati in relazioni complesse, di cui sono composti tutti gli altri esseri dell'universo .  Tutti gli organismi viventi posseggono venti aminoacidi e quattro acidi nucleici . Siamo tutti fratelli !

Settantacinque milioni di anni fa apparvero le prime scimmie che conobbero una evoluzione e crebbero in dimensioni dando origine agli scimpanzé e gorilla (i quali hanno il 98% del loro patrimonio genetico in comune con il nostro) e fecero la comparsa gli australopitechi, ovvero i primati avviati verso l'ominizzazione . In Africa, infatti, si verificò uno smottamento colossale e si creò una faglia gigantesca di 6000 km, la Rift Valley : da un lato rimasero le foreste tropicali dove i primati potevano vivere comodamente, dall'altro regnavano suoli aridi e savana; lì si trovavano gli australopitechi, condannati alla siccità .

Gli australopitechi furono costretti a scendere dagli alberi  e a camminare in posizione eretta e a cibarsi di tutto quello che trovavano, trasformandosi in onnivori . Nel corso della loro evoluzione si verificò un processo altamente accelerato di encefalizzazione consentendo loro di cooperare, di parlare e di condividere le prede . Erano i primi esseri umani: homo abilis, homo erectus, homo sapiens  .

Occorre togliersi dalla mente la figura di un dio mago che, con un colpo di bacchetta magica, crea l'uomo così come è oggi,  facendolo "poco meno degli angeli" . Date le conoscenze scientifiche di oggi, occorre ammettere che l'uomo è il portato di un processo evolutivo nella creazione alla base della quale c'è il "mistero di Dio" .  Occorre di conseguenza ammettere che Dio è totalmente altro da noi, è il Trascendente e noi lo possiamo conoscere solo attraverso Gesù di Nazaret che lo ha rivelato . Egli lo sentiva talmente in intimità con il suo essere da chiamarlo Padre .

A questo punto, però, devo compiere un passo successivo ed ammettere che Gesù di Nazaret non fu il solo a sentirsi in intimità col "mistero di Dio" e questa ammissione è necessaria per non cadere in quello che oggi tutti sembrano vedere negli altri : il fondamentalismo .

Vorrei essere chiaro fino in fondo : io sono profondamente convinto che Gesù è la rivelazione ultima del vero volto di Dio, che Egli è figlio di Dio e Signore nella sua resurrezione, ma ciò nulla toglie alla possibilità che anche altri uomini siano entrati in intimità col  "mistero di Dio". Sono i diversi sentieri che portano alla stessa cima, allo stesso ed unico "mistero di Dio".

Nota:
Se vuoi essere informato sulle pubblicazioni di solidando.net  puoi iscriverti gratuitamente  alla newsletter del sito al seguente indirizzo :  http://www.solidando.net/newsletter.htm
<



   
[ la Solidarietà ][ il Sociale ][ la Fede][ Forum ][ Contatti ][ Newsletter ][ Il blog Solidando ]