Il vuoto dell'inferno ! - Riflessione di Rosario franza


 
Testi, conferenze, interviste  di :

  Alberto Maggi

- Clicca Qui

Carlo Maria Martini

- Clicca Qui

- Clicca Qui

Josè Maria Castillo

- Clicca Qui

Vito Mancuso 

- Clicca Qui

Enzo Bianchi

- Clicca Qui

Altri Autori e Testi completi in diversi formati

- Clicca Qui

Appunti di Rosario Franza

- Clicca Qui

Home Page

- Clicca Qui

 

Nel mondo vivono 6.700.000.000 persone ed esistono 30.547 religioni, dottrine, scuole filosofiche, credenze, sette, culti tribali . I cristiani sono 2.100.000.000, di cui 1.100.000.000 si dichiarano cattolici .

In quasi tutte le religioni è presente la regola d’oro variamente espressa, Gesù di Nazareth ebbe il merito di esprimerla in modo attivo, comprendendo nell’amore anche i propri nemici :”Ebbene io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per chi vi perseguita, …” (Mt. 5, 44), eppure, il mondo è impastato di odio e sangue, povertà e fame, violenza e sfruttamento .

Da giovane avevo la pretesa di cambiare il mio paese, quasi una rivoluzione; volevo giustizia sociale e libertà e benessere per tutti e pensai che il modo migliore per ottenere ciò a cui aspiravo fosse quello di impegnarmi nel sindacato, a favore dei diritti dei lavoratori .

Non ricordo più a quanti cortei ho partecipato e neanche quante ore di sciopero ho fatto, ma oggi i miei figli hanno meno diritti di quanto ne avessi io ed i poveri nel nostro paese, nel 2014, ammontavano a 7.815.000 persone, il 12,9% della popolazione .

Insomma se dovessi tracciare un bilancio, implacabile, ma veritiero, dovrei dire che la mia generazione ha fallito .

Volgendo lo sguardo a Dio, il Cristo ci indica la meta : se veramente vogliamo cambiare il paese in cui viviamo, dobbiamo aderire al progetto divino, che indica come meta dello sviluppo umano una pienezza che comporta la condizione divina e propone un illimitato dono di sé come quello di Gesù, un dono di sé per amore verso gli uomini: “Come io vi ho amato, così amatevi anche voi gli uni agli altri”(Gv 13,34) .

Insomma se vogliamo una società più giusta, una comunità più giusta, una parrocchia più giusta, una famiglia più giusta, dobbiamo cambiare individualmente il nostro animo, tendere al bene e amare il nostro prossimo .

Scrive Juan Mateos :<<... dal momento in cui, aderendo a Gesù, l’uomo riceve lo Spirito, non ci sono più due principi di azione, Dio e l’uomo, che convergono nell’opera, ma uno solo: Dio nell’uomo e l’uomo in Dio . Quanto più stretta è questa unione tanto maggiore sarà il frutto di vita che produrranno>> .

Il bene e l’amore del prossimo non sono monopolio dei cristiani o dei cattolici, si può raggiungere la pienezza umana anche senza credere in Dio … perché comunque, quando si raggiunge la pienezza umana che si distingue nell’amore verso i fratelli, si riceve lo Spirito .

Cosa succede a chi non si sforza di vivere nel Bene, anzi coltiva il proprio egoismo, la propria avidità ed il desiderio del male rifiutando lo Spirito ?

Alcuni teologi dicono che l’inferno è vuoto, anzi è sempre stato vuoto, perché Dio è pieno di misericordia e di amore per l’uomo, ma ovviamente l’individuo che non vive nel Bene non raggiunge la pienezza umana e sicuramente la sua anima non raggiunge lo stadio di anima spirituale .

Secondo il teologo Josè Maria Castillo, proprio facendo riferimento ai vangeli di Gesù, si capisce come Dio lo si offende nell'essere umano e come, cioè, il peccato contro Dio lo si identifichi con il male e la sofferenza causati a qualsiasi essere umano . Per Gesù, il problema non risiede "in ciò che la gente crede sia un'offesa contro Dio (il peccato), bensì in quello che, come in ogni momento possiamo constatare, danneggia gli uomini e le donne di questo mondo, i nostri simili, e causa loro dolore, umiliazione, privazione della libertà e sofferenza".

Fra Alberto Maggi afferma, alla luce dei vangeli di Gesù di Nazareth, che l'unico peccato che non sarà perdonato è quello contro lo Spirito Santo, peccato commesso soprattutto dai "cardinali" quando, sapendo di mentire,  affermano che è male ciò che è bene e che è bene ciò che è male !

Vito Mancuso traccia tre possibilità per il peccato contro lo Spirito Santo :

1. La dannazione eterna – dottrina cattolica;
2. La dannazione temporanea – teoria dell’apocatastasi;
3. La dissoluzione definitiva nel nulla .

Alberto Maggi a proposito della morte seconda,  nel ultimo libro "L'ultima beatitudine" scrive:<< ... ci può essere il rischio che la morte biologica coincida con la fine definitiva dell'individuo . Ma che qualcuno sia incorso in questo totale annientamento nessuno lo può sapere e neanche ipotizzare>>.  

Io penso invece  che un'ipotesi la possiamo e la dobbiamo fare o quantomeno di fronte agli Hitler della storia, occorra tenerla presente, e penso che  l’uomo che non riesca, almeno per un minimo, a far evolvere la propria anima verso un piccolo stadio spirituale, penso che questo individuo subisca la dissoluzione nel nulla !

Nota:
Se vuoi essere informato sulle pubblicazioni di solidando.net  puoi iscriverti gratuitamente  alla newsletter del sito al seguente indirizzo :  http://www.solidando.net/newsletter.htm
<



   
[ la Solidarietà ][ il Sociale ][ la Fede][ Forum ][ Contatti ][ Newsletter ][ Il blog Solidando ]