Eucarestia: E' la presenza viva di Gesù ! - p. Alberto Maggi OSM


 
Testi, conferenze, interviste  di :

  Alberto Maggi

- Clicca Qui

Carlo Maria Martini

- Clicca Qui

- Clicca Qui

Josè Maria Castillo

- Clicca Qui

Vito Mancuso 

- Clicca Qui

Enzo Bianchi

- Clicca Qui

Altri Autori e Testi completi in diversi formati

- Clicca Qui

Appunti di Rosario Franza

- Clicca Qui

Home Page

- Clicca Qui


"E' ora di riscoprire la vivacità dell’eucarestia, sganciarsi da questi rituali che l’hanno mummificata per riscoprire quello che la primitiva comunità sapeva: la presenza di Gesù vivo. Le nostre celebrazioni eucaristiche più sono perfette e più sono atee, atee  nel senso che non c’è posto per il Signore."  

L’eucarestia è l’elemento importante, indispensabile, prezioso per la vita e la crescita della comunità. Questo nostro incontro vuole esaminare l’eucarestia secondo il vangelo di Matteo. La chiesa dispone di ben 4 versioni differenti dei gesti e delle parole che Gesù ha compiuto durante la cena con i suoi discepoli .

I vangeli non sono cronaca, ma sono teologia, non sono un elenco di fatti, ma di verità che non riguardano la storia, ma la fede. Per questo gli evangelisti si ritengono liberi di cogliere le parole di Gesù, modificarle nelle situazioni e nei luoghi. Questo in passato era difficile da comprendere. Si credeva fino agli anni 60-70 che i vangeli fossero una sorta di storia di Gesù. Ecco, oggi non è più possibile una affermazione del genere.

A noi, può sembrare  sconcertante, paradossale, eppure è bello, noi non abbiamo la certezza di neanche una parola che sia stata pronunziata da Gesù così come ci è stata trasmessa dagli evangelisti.  

Noi non abbiamo la certezza neanche di un gesto che sia stato compiuto da Gesù così come ci viene trasmesso dagli evangelisti perché gli evangelisti non hanno voluto trasmetterci una cronaca, ma una teologia, la verità di un fatto.

Per questo hanno preso le parole di Gesù indubbiamente, i gesti di Gesù e poi le hanno strutturate secondo il messaggio che volevano trasmettere. […]

Ebbene nell’ultima cena noi abbiamo 4 versioni differenti, differenti proprio negli elementi che la compongono. La cena di Gesù infatti viene narrata in 3 vangeli, è assente nel vangelo di Giovanni, anche se Giovanni ha altre  modalità per presentare l’eucarestia. 

Quindi ce l’abbiamo nel vangelo di Matteo, di Marco e di Luca. Dalla comparazione con questi tre vangeli e con quello che è il testo più antico, e la narrazione più antica dell’eucarestia si ritiene che sia degli anni 50, la prima lettera di Paolo ai Corinzi, si possono notare le rassomiglianze tra Matteo e Marco che si rifanno alle celebrazioni eucaristiche sorte nella chiesa di Gerusalemme, mentre Luca e Paolo si rifanno alle celebrazioni sorte in terra straniera, in terra pagana, ad Antiochia dove per la prima volta i discepoli di Gesù sono stati conosciuti come i cristiani.  

Questo è importante perché fin dall’inizio non c’è stata una forma unica di celebrare l’eucarestia, ma ci sono varie modalità perché l’eucarestia è legata alla vita e la vita non si può incanalare.

Quando parliamo di eucarestia non pensiamo alle nostre messe. Se Gesù o i discepoli, i cristiani, si trovassero in una nostra messa non capirebbero assolutamente nulla di quello che sta avvenendo. Le nostre celebrazioni eucaristiche più sono perfette e più sono atee, atee  nel senso che non c’è posto per il Signore.  

Nell’eucarestia la comunità sentiva Gesù vivo, presente che parlava, insegnava, ricordava. Nelle nostre celebrazioni non c’è posto: è tutto prescritto cosa deve dire il celebrante, cosa deve rispondere la gente, in piedi, seduti, i gesti da fare ... Se Gesù volesse attraverso una profezia, attraverso un insegnamento pregare una sua parola: non ha posto. Quindi è ora di riscoprire la vivacità dell’eucarestia, sganciarsi da questi rituali che l’hanno mummificata per riscoprire quello che la primitiva comunità sapeva: la presenza di Gesù vivo. 

Quello che Gesù voleva trasmettere non lo ha potuto fare nel breve periodo che è stato con i suoi discepoli. La comunità si riuniva nella celebrazione eucaristica, ricordava le parole di Gesù, ne capiva il significato e ne coglieva di nuove. I vangeli sono nati così. Quindi è importante oggi riscoprire il significato della celebrazione eucaristica che non ha nulla a che vedere con quel rito insignificante, insulso, vuoto celebrato attualmente.   

Credo che se in certe chiese, al prete che sta celebrando la messa, gli sostituiamo il messale, ci mettiamo l’elenco telefonico, non se ne accorge, continua con la stessa lagna, con la stessa tiritera, sono cose senza vita. Allora occorre riscoprire la potenzialità del messaggio di Gesù.

Ne va della nostra esistenza. I vangeli sono nati così: è nell’eucarestia che Gesù continua a insegnare alla comunità e se noi non lo facciamo parlare, rimaniamo senza la sua parola e la sua è parola di vita. 

Un esempio di questo Gesù che parla nell’eucarestia: se prendete il vangelo di Giovanni e andate alla fine del cap. 14 vedete che Gesù dice: alzatevi, andiamo via da qui. Poi incomincia al cap. 15: Io sono la vera vite e voi siete i tralci, tutto un discorso lunghissimo molto importante, un discorso che continua nel cap. 16, nel cap. 17, e soltanto all’inizio del 18 c’è scritto: e usciti andarono verso il monte degli ulivi. Se noi togliamo questi 3 capitoli vediamo che la fine del cap. 14 e l’inizio del 18 coincidono. Alla fine del cap. 14 Gesù dice: alzatevi, andiamo via di qui, e all’inizio del cap. 18: detto questo uscirono. E quei 3 capitoli? Sono nati nell’eucarestia. Quindi è importante riscoprire l’eucarestia perché nell’eucarestia Gesù parla e il suo insegnamento è la vita della comunità.  

I riti, sono riti imbalsamati che lasciano le persone tali e quali sono entrati.

Quindi nei vangeli abbiamo 4 versioni differenti e il testo più antico è quello contenuto nella prima lettera ai Corinzi di Paolo.

Un particolare che riguarda noi italiani che abbiamo un privilegio straordinario, in nessuna di queste 4 versioni appare la parola sacrificio. Voi sapete che nella liturgia italiana, nelle parole della consacrazione: questo pane è il mio corpo, si legge: offerto in sacrificio per voi ... In nessuna delle 4 versioni c’è la parola sacrificio, non c’è nel testo ufficiale della chiesa cattolica che è in latino, non c’è in nessuna altra traduzione al mondo, gli unici che abbiamo questo privilegio siamo noi italiani. Perché questo? Perché al concilio ci fu uno scontro tra l’ala progressista e i conservatori sul titolo da dare al capitolo dell’eucarestia. L’ala progressista rifacendosi ai vangeli voleva titolarla la cena del Signore, l’ala tradizionalista voleva titolarla: il sacrificio del Signore. Quelli della mia generazione ricordano che la celebrazione della messa era ripercorrere il sacrificio di Gesù, la sua morte, la sua passione. Ci fu una tensione, alla fine vinse l’ala innovativa, il titolo viene dato: cena del Signore, però poi nella traduzione italiana, nella liturgia, infilarono la parola sacrificio che non c’è ripeto nei testi originali. 

E' importante vedere il testo più antico della celebrazione eucaristica che è contenuto nella prima lettera di Paolo ai Corinzi cap. 11,18-34, perché questo capitolo, non compreso, manipolato dai preti, è uno degli argomenti per tener lontane le persone dall’eucarestia e questa è una cosa indegna!  

Sentiamo adesso cosa ci dice Paolo e il perché. Paolo scrive: sento dire che quando vi radunate in assemblea vi sono divisioni tra di voi, l’eucarestia deve essere segno di unità e Paolo denuncia il fatto che ci siano delle divisioni, quando dunque vi radunate insieme il vostro non è più un mangiare la cena del Signore.

Ecco il titolo più antico dato all’eucarestia è “la cena del Signore”. Ciascuno infatti quando siede a tavola comincia a prendere il proprio pasto, così uno ha fame e l’altro è ubriaco.

Come avveniva l’eucarestia? I cristiani si riunivano in casa di qualcuno e portavano da mangiare e condividevano. A Corinto questo non accadeva, a Corinto capitava che i ricchi portavano abbondanza di cibi e di bevande e mangiavano e bevevano per conto loro, e i poveri? I poveri stavano a guardare. E’ contro questo che adesso Paolo si scaglia. Dice: non avete forse le vostre case per mangiare o per bere?  

Poi narra la cena del Signore: io ho infatti ricevuto dal Signore quello che a mia volta vi ho trasmesso. Il Signore Gesù nella notte in cui veniva tradito prese un pane, e dopo aver reso grazie, lo spezzò e disse: questo è il mio corpo che è per voi, fate questo in memoria per me, e poi ugualmente per il calice. E poi riprende: perciò chiunque mangia o beve al calice del Signore in modo indegno sarà colpevole verso il corpo e il sangue del Signore.  

Ma cosa significa mangiare o bere al calice del Signore o al pane in modo indegno? Quello che ha detto prima, una comunità dove non c’è unità, dove i ricchi mangiano e i poveri digiunano. Questo è mangiare in maniera indegna la cena del Signore. E continua Paolo: ciascuno dunque esamini sé stesso e poi mangi del pane e beva dal calice, perché chi mangia e beve senza riconoscere il corpo (il corpo come vedremo è la comunità dei credenti) mangia e beve la propria condanna.  

Queste espressioni di Paolo manipolate, incomprese, sono state e vengono adoperate per tenere lontane le persone dall’eucarestia. Dicono a delle persone: tu con la tua situazione, tu con la tua condotta, tu con il tuo comportamento non ti puoi avvicinare all’eucarestia perché se lo fai, hai sentito mangi e bevi la tua propria condanna. Quindi si è trasformato in un insegnamento morale quello che invece era un insegnamento comunitario.  

Paolo denuncia la divisione della comunità dove i ricchi si abbuffano e i poveri rimangono a digiuno, qui non c’è nulla a che vedere con la condotta, con il comportamento, con la situazione religiosa, morale o sessuale delle persone. Questo è importante perché ripeto si adopera la parola del Signore per tenere lontane le persone dalla sua cena e questo è intollerabile !

 

Nota del curatore :

Il testo, non rivisto dall'autore, è tratto dalla conferenza "L'Eucarestia secondo i Vangeli" tenuta ad Ancona il 14/09/2011 .


<



   
[ la Solidarietà ][ il Sociale ][ la Fede][ Forum ][ Contatti ][ Il blog Solidando ]