Dopo la morte: solo una scia d'amore ? - Rosario Franza 


 
Testi, conferenze, interviste  di :

  Alberto Maggi

- Clicca Qui

Carlo Maria Martini

- Clicca Qui

- Clicca Qui

Josè Maria Castillo

- Clicca Qui

Vito Mancuso 

- Clicca Qui

Enzo Bianchi

- Clicca Qui

Ortensio da Spinetoli

- Clicca Qui

Altri Autori e Testi completi in diversi formati

- Clicca Qui

Appunti di Rosario Franza

- Clicca Qui

Home Page

- Clicca Qui


Qualche giorno fa Stefano Fratini, rammaricato per la morte prematura di un amico, postava su facebook il seguente pensiero :<<Nell'omelia il prete ha detto che ci sono domande a cui non ci sono risposte, ... come quella sulle morti premature. Io credo che la risposta sia (al di là naturalmente del dolore di chi rimane) che l'importante è distribuire amore finché ci siamo. E quando non ci saremo più qualcosa rimarrà di noi. Non solo un ricordo. Una scia reale e concreta di amore che continua a vivere nelle persone che hanno vissuto intorno a noi. Un qualcosa di noi che era vivo prima e rimane vivo e attivo dopo. E continua a diffondersi e moltiplicarsi>>

Ho interpretato le parole di Stefano come l'affermazione che con la morte tutto finisca, ma egli mi ha smentito affermando:<<No, non è proprio così. L'amore che abbiamo messo nel mondo è una cosa nostra, parte viva di noi. E viva resta. Non per sempre, naturalmente, ma abbastanza da poter suscitare nuovo amore che susciterà nuovo amore>> .

E' un pensiero molto bello, ma a me non basta, anche perché come afferma lo stesso Stefano "l'amore che abbiamo messo nel mondo ...non resta per sempre" . Su una cosa siamo d'accordo: con la morte la nostra carne non ci sarà più ! Ma noi siamo fatti solamente di carne ?

In realtà cosa ci sia dopo la morte nessuno lo sa . Si può solamente fare qualche riflessione a partire dalle conoscenze che abbiamo sulla vita . La creazione, infatti, cominciò quando l'energia compressa presente "nel vuoto quantico" andò espandendosi fino ad esplodere e fu il "big bang" e attraverso l'evoluzione della materia, la vita .  Ma tutto ciò fu un processo casuale ?  

I biologi affermano che per la presenza della vita sono necessari quattro composti biochimici : proteine, zuccheri, grassi, dna . Le probabilità contrarie alla sintesi casuale di uno di questi composti biochimici sono 10 alla 40.000 ... un numero grandissimo !... e questo improbabile caso dovrebbe ripetersi per gli altri tre composti biochimici ... e per l'assemblaggio di proteine+zuccheri+grassi+dna . Non è possibile che sia un caso e questa impossibilità è stata paragonata all'impossibilità che "una tromba d'aria, spazzando un deposito di robivecchi, possa produrre un Boeing 747 perfettamente funzionante “!

Con ciò voglio dire che nel vuoto quantico non c'è solamente energia, cioè capacità di compiere un lavoro, ma anche informazione, relazione, Logos, cioè capacità di orientare la creazione verso un ordine sempre maggiore, ordine orientato verso il Bene, perché da esso scaturisce la vita .

Scrive Paul knitter :<<Ritengo che il mio problema sia stato avere una Persona Divina davanti a me. Cosa succede, però, se l'immagine del Divino muta in quello di uno Spirito che tutto pervade, che non è una persona ma una presenza o energia con qualità personali ?>> e afferma poi che grazie al buddhismo ha potuto <<afferrare e poi vivere questa differenza tra Dio in quanto persona e il Divino in quanto personale ...>>.

Io ritengo che ciò che ha dato origine alla creazione, Energia + Logos, sia il Divino in quanto personale, sia lo Spirito che tutto pervade ed in questo senso penso che noi conteniamo, in quanto parte della creazione e della sua evoluzione, il dna di Dio .

Certo, l'immagine di Dio Padre o Madre, è un'immagine simbolica e per non trasformare questo simbolo in un idolo dobbiamo sapere cosa rappresenta !

A fronte di tutto ciò, cosa rimane dopo la nostra morte ? Una scia d'amore che prima o poi si esaurisce, come afferma Stefano Fratini o "Energia personale" contenente il dna di Dio ?

C'è poi da specificare anche un'altra questione non secondaria . Esistono, cioè, due tipi di male, il male causato dall'uomo ed il male determinato dalla natura, in che relazione stanno con noi ?

Il male naturale, terremoti, carenze di dna umano, catastrofi, semplicemente accadono, sono il prodotto della creazione nell'evoluzione della materia . Il male provocato dall'uomo attraverso  scelte egoistiche, è una libera scelta umana .

Io penso che l'energia spesa per fare del male semplicemente si perda . L'energia spesa per fare del bene, per spandere "scia d'amore" nel mondo, rimane sotto forma di "Energia personale" contenente il dna di Dio .  Voglio semplicemente sperare che, quando sarà la fine, la mia "Energia personale",piccola o grande che sia, si incontri con l'"Energia personale" delle persone che ho amato maggiormente quando ero in vita .     

  

Nota:
Se vuoi essere informato sulle pubblicazioni di solidando.net  puoi iscriverti gratuitamente  alla newsletter del sito al seguente indirizzo : http://www.solidando.net/newsletter.htm
<



   
[ La Buona Parola ] [ Argomentando ] [ BibliotecAmica ] [ Home Page ]