.news .contatti .home  page
   
La mia conversione
L'origine della vita
L'anima
Il Logos, la Vita e la Morte
Chi è Gesù Cristo ?
Il discorso della montagna
Chi  muore in croce ?
L'attività pastorale dei primi cristiani
Il significato dei miracoli di Gesù
Il Regno di Dio e la nostra Speranza
La sofferenza del mondo e il significato della vita !
La Solidarietà
Le nostre preghiere
Discutiamo nel Forum
Home Page
 

La vita

"In principio era il Logos,

e il Logos era presso Dio

e il Logos era Dio .

Egli era in principio, presso Dio:

tutto è stato fatto per mezzo di Lui "

 

L'essere primordiale creato da Dio è l'energia . Tutto è energia . 

L'energia ha prodotto la materia (mater - madre) e la materia ha prodotto noi mediante un lunghissimo processo evolutivo . 

In principio l'universo era un puntino infinitamente piccolo, poi ha iniziato la sua espansione giungendo ad una grandezza così macroscopica da non poter essere neppure pensata e tutto tende all'ordine e ad una crescente complessità secondo una legge superiore che noi chiamiamo LOGOS . 

La logica che muove la vita è la relazione ordinata !

Dalla polvere stellare, attraverso un processo evolutivo durato miliardi di anni e tale da generare un aumento progressivo dell'ordine, è emerso il nostro corpo, gli occhi, le mani, il cervello...

Nella sua ricerca dell'armonia, la natura si muove secondo un movimento impersonale e talora in essa avvengono degli errori, alcuni con effetti devastanti ... Lo stesso movimento della natura verso relazioni ordinate produce nella coscienza umana il desiderio di aiutare le vittime di questa casualità ! Perché la madre che mette al mondo un figlio si comporta con lui con tenerezza ? ...Ella è necessitata dalla natura, che le impone la cura affettuosa della maternità . La natura contiene l'ordine primordiale .

Il bene è prima della bontà .

Nella parabola del cieco nato, i discepoli chiedono a Gesù se è per colpa sua o per colpa dei suoi genitori che egli è in quella situazione. Gesù risponde:

<<Non ne hanno colpa né lui né i suoi genitori, ma è così perché in lui si possano manifestare le opere di Dio. >>(Giovanni 9,3)

Dobbiamo cambiare la prospettiva di Genesi 2,7 secondo cui Dio prese la polvere, plasmò l'uomo e poi infuse il suo soffio vitale . Occorre pensare, restando nell'immagine mitica del testo, che Dio infuse il suo soffio vitale prima, direttamente nella polvere, nella materia-mater che poi, autonomamente, ha dato origine alla vita !  

 


Appunti tratti da "L'anima e il suo destino" di Vito Mancuso - teologo cattolico eterodosso