Gli eretici dell'ortoprassi ! - Appunti sui versetti di "Q" - Rosario Franza


 
Testi, conferenze, interviste  di :

  Alberto Maggi

- Clicca Qui

Carlo Maria Martini

- Clicca Qui

- Clicca Qui

Josè Maria Castillo

- Clicca Qui

Vito Mancuso 

- Clicca Qui

Enzo Bianchi

- Clicca Qui

Ortensio da Spinetoli

- Clicca Qui

Altri Autori e Testi completi in diversi formati

- Clicca Qui

Appunti di Rosario Franza

- Clicca Qui

La fonte Q

- Clicca Qui

Home Page

- Clicca Qui


"Insomma, il seguace di Gesù di Nazareth non può esimersi dallo scegliere una “parte”e lottare con questa “parte” per il superamento di una società ingiusta ed emarginizzante, il che equivale a dire : fate una scelta di classe ! Almeno per i ragazzi del 68' " 

[49]Sono venuto a portare il fuoco sulla terra; e come vorrei che fosse già acceso! [51]Pensate che io sia venuto a portare la pace sulla terra? No, vi dico, ma la divisione. [53]si divideranno tre contro due e due contro tre;

padre contro figlio e figlio contro padre,
madre contro figlia e figlia contro madre,
suocera contro nuora e nuora contro suocera». (Lc 12,49.51.53)

Non è un’immagine banale quella che ci propone la fonte Q del Nazzareno “venuto a portare il fuoco sulla terra”(Lc 12,49). Il fuoco e non la luce, il fuoco che riscalda, brucia, purifica ed il riferimento non è ai nostri peccati personali, ma alla proposta, ben più importante, del regno di Dio, proposta di liberazione  dei poveri e degli oppressi. Una proposta radicale e ben lontana dall’interclassismo di “democristiana” memoria, a dimostrazione del fatto che non sempre coloro che si dichiarano “cristiani” seguono poi la pressi di Gesù di Nazareth, tanto che si potrebbe definirli, con giusto sarcasmo, “eretici dell’ortoprassi” .

A tal proposito fra Ortensio da Spinetoli nel suo commento al vangelo di Luca in 12,49-53 scrive:<<La proposta evangelica è radicale e chiede una risposta analoga. Gesù è il salvatore e il liberatore dell’uomo da ogni sua precedente oppressione, per questo non può dispensarsi dal provocare divisioni, “disordini” nelle strutture sociali esistenti>>. Insomma, il seguace di Gesù di Nazareth non può esimersi dallo scegliere una “parte”e lottare con questa “parte” per il superamento di una società ingiusta ed emarginizzante, il che equivale a dire, per i ragazzi del 68’, : fate una scelta di classe !  

Lo stesso  fra Ortensio scrive:<<La proposta che il vangelo rivolge agli uomini di tutti i tempi  è quella di una scelta radicale: o dalla parte di Cristo e avere tutti contro, o mettersi contro di lui per avere l’appoggio degli altri. Non c’è posto per compromessi, per mezze misure, fughe strategiche. Cristo si presenta agli uomini del suo tempo con tutta la sua identità ed esige una risposta piena, assoluta.[…] Non si può rimanere neutrali davanti all’ostruzionismo frapposto alla verità, alla giustizia, al bene>>.

Può sembrare questa una proposta utopica, ma se lo è, lo è allo stesso modo della continua creazione cosmica che, attraverso il caos, trova la strada dell’armonia nel bene. Strada segnata da quel Dio che è in noi e nel cosmo, come noi siamo in Lui. Eppure ci trascende.   


Nota:
Se vuoi essere informato sulle pubblicazioni di solidando.net  puoi iscriverti gratuitamente  alla newsletter del sito al seguente indirizzo : http://www.solidando.net/newsletter.htm
<



   
[ La Buona Parola ] [ Argomentando ] [ BibliotecAmica ] [ La fonte Q ] [ Home Page ]